venerdì 20 maggio 2016

Chiacchierino in Viola ed Argento: il Ciondolo

Ed eccoci al secondo appuntamento con la nostra coppia "spaziale" alias la coppia in viola e argento.

Vi avevo promesso che avrei mostrato il secondo pezzo della parure e dato che le promesse si mantengono sempre (ma proprio sempre-sempre-sempre, ricordatevelo eh!) eccomi qui con il ciondolo che è davvero il secondo pezzo che ho creato subito dopo bracciale.


In un primo momento avevo immaginato una collana, ma poi vi ho ragionato su e sono giunta alla conclusione che un ciondolo sarebbe stato preferibile, non solo perché può essere indossato praticamente sempre mentre una collana è leggermente più impegnativa e si sceglie di usarla solo in alcune occasioni, ma anche perché un ciondolo avrebbe creato una forma diversa pur mantenendo lo stesso disegno di base e cioè l'anellino e l'archetto.

Ora vi mostro una foto del bracciale e del ciondolo così sarà più semplice capire cosa intendo.



Vedete? Il bracciale crea una linea di arabeschi mentre il ciondolo crea quasi un rombo con degli spigoli molto arrotondati.
In questo modo ho ottenuto due pezzi uniti dal disegno di base, dal filato e dalle rocailles argentate, ma diversi nella forma così da conferire molto più movimento alla parure.

Se avessi realizzato una collana, avrei ottenuto in realtà un collarino, in pratica ci sarebbe stato un pezzo identico al bracciale solo più lungo, quindi due linee di arabeschi, sicuramente belli, ma un po' monotoni da indossare.

E dato che ormai mi ero lanciata nella creazione di una parure "movimentata", ho pensato a degli orecchini che seguissero lo stesso principio maaaa... questo sarà l'argomento del prossimo post! ;-P

Perciò, dicevo, sono partita col ciondolo, ho buttato giù uno schizzo veloce per sapere dove posizionare i picot e poi via col filo, navetta e perline.
Una volta inamidato ed asciugato non potevo mica sistemare un semplice anellino in cui far passare la catenina, vi pare? Non è assolutamente da me, quindi ho scelto un cristallo bicono swarovski da 6 mm color violetto sia per impreziosire il pendente e catturare la luce sia per richiamare lo swarovski che ho usato come terminale nella catenella del bracciale .


Il pendente è lungo 5,4 cm (6,7 cm includendo anche il cristallo) e largo 3,3 cm, direi che si tratta delle dimensioni giuste per un ciondolo: non è microscopico (ce ne sono alcuni talmente piccoli che servirebbe un microscopio elettronico a scansione per vederli ahahaha), né enorme come alcune "patacche" davvero esagerate che si vedono in giro.
Indossato su un abbigliamento chiaro risalterà ancora di più attirando decisamente l'attenzione.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...