sabato 27 giugno 2015

Chiacchierino e Pasta di Mais per un Bracciale

Ed ecco di nuovo qui con voi la vostra Mara :D

Avete combinato qualcosa durante la mia assenza o vi siete semplicemente seduti sulla sedia a sdraio a girarvi i pollici??? Io propendo per la seconda ipotesi!! ahahahah

Dai che il mercatino si avvicina :D presto vi farò vedere qualche nuova bambolina, ma per il momento di nuovo c'è questo braccialetto al chiacchierino e pasta di mais.


Un po' di tempo fa ho creato degli orecchini con la parte superiore realizzata al chiacchierino e i pendenti della parte inferiore in pasta di mais (se non ve ne ricordate cliccate qui, se invece siete pigri ;-P  e non vi va di muovere nemmeno un dito, date un'occhiata qui sotto, vi ho aggiunto una foto degli orecchini ;-)   )...


... che mi erano piaciuti parecchio, tant'è che un bel giorno mi son detta: "Ehi Mara, perché non crei anche un bracciale tanto per formare una "coppia"? Potresti anche pensare alla collana, anche se per questo c'è tempo..." e prontamente l'altra parte del mio cervello (lo sapete, vero? che il cervello è diviso in due emisferi collegati tra loro, be' i miei si parlano anche!! ahahaha) ha accettato e così mi sono messa subito all'opera.

E' venuto fuori un tripudio di perline!! :D



Il bracciale, come detto, è al chiacchierino realizzato con un filato di una bella tonalità lilla e su ogni picot disponibile è presente una rocaille grigio antracite. Le perline ammontano a ben 130 (ebbene si, le ho contateeee!!!!!), ma ci sono anche degli strass, 6 per la precisione, posizionati alla base dei due anellini centrali "opposti".


Una volta finito e inamidato ho sistemato la chiusura a moschettone e la catenella che, oltre che per la chiusura, occorre anche a regolare la larghezza del bracciale.


Come terminale, indovinate un po', ho creato un'altra goccia in pasta di mais simile alle due che avevo già preparato per gli orecchini, solo un po' più corta (dato che doveva essere un terminale e non un pendente).
I colori riprendono quelli del bracciale, ma leggermente più scuri: magenta, nero ed una punta di bianco per dare un tocco di luce in più (e poi perché rosa scuro, nero e bianco stanno proprio bene insieme ;-)   ) e glitter rosa scuro applicati dopo l'asciugatura della pasta di mais.
Una volta asciugata e illuminata con i glitter vai con la lucidatura, dopodiché non resta che guardare continuamente l'orologio (una noia mortale quando tocca aspettare!!!).


Ah già... ovviamente prima di mettere ad asciugare la goccia ho provveduto anche al forellino per far passare l'anello di metallo che avrebbe unito la goccia alla catenella (altrimenti come avrei fatto una volta asciutta???).
E finalmente terminale montato e bracciale terminato (toh guarda, ho fatto anche la rima, vuoi vedere che oltre ad essere un'artista sono anche una poetessa??? Ok, evitate di rispondere, grazie! ;-P   )


Che ne dite? Proprio caruccio, no?

E, come sempre, ecco qui sotto la foto della "coppia felice" indicata dalle lettere:

A) Orecchini;
B) Bracciale;


venerdì 19 giugno 2015

Un Cappellino per proteggersi dal Sole? ;-)

Buon pomeriggio!! :D

Tutto bene dalle vostre parti? Spero proprio di si!! :-)

Ragazzi ormai l'estate è arrivata, magari non in tutta Italia, ma qui in Puglia è decisamente arrivata e cosa c'è di meglio per proteggersi dal sole a picco di un bel cappellino? Be' certo, dovreste avere una testa davvero molto, ma molto piccola (eh si, perché il trucco c'è, ma non si vede... continuate a leggere e lo scoprirete!), ma volete mettere la bella figura che fareste indossando questo delizioso cappellino al chiacchierino?? ;-)


Su che ora ve lo descrivo per bene.

E' un cappellino realizzato al chiacchierino con navetta in un filato "solare".
Ormai lo sapete, il filo con sfumature gialle è uno dei miei preferiti, basta un tocco di giallo, colore caldo e luminoso, perché anche in inverno si pensi subito all'estate.

Inoltre, era già da un po' che volevo fare qualcosa "in giallo" e rimugina di qua e strizza le meningi di là, mi è venuto in mente un cappellino, solo che invece di farlo all'uncinetto (li ho già fatti e ve li ho anche mostrati, se non ve li ricordate potete cliccare qui e qui) ho pensato al chiacchierino, ed ecco qui il frutto delle mie fatiche ;-)


Il cappellino inizia con un fiore centrale a cinque petali e si sviluppa successivamente in giri concentrici (ovviamente!!!) che formano il resto della "cupoletta" e la tesa.


Una volta finito sono passata all'inamidatura che ho accelerato col phon (aspettare non è decisamente il mio forte!! ahahaha) dopodiché toccava alla decorazione.

Avevo già deciso che avrei usato un nastrino bianco (uno giallo non si sarebbe notato affatto e avrebbe reso il tutto troppo monocromatico, mentre un altro colore, per esempio rosso o arancione, avrebbe creato troppo contrasto e il risultato finale non sarebbe stato delicato come quello che si sarebbe ottenuto usando il bianco) per formare un classico fiocchetto su un lato del cappellino.

Qui sotto la "vista posteriore" del cappellino ed il particolare del nastrino inserito nel lavoro al chiacchierino.



Ovviamente però, non potevo lasciare il fiocchetto e basta, mancava il tocco particolare, il tocco in più che fa la differenza, mancava il tocco... "Mara" :-) e così, invece di mettere solo delle perline al centro del fiocco o una rosellina di raso già pronta ho pensato bene di creare io una rosellina in pasta di mais, per la serie: "Tu dai proprio i numeri! Oltre al cappellino, preparare pure una mini-rosellina in pasta di mais!?!?!?"

Ebbene si!!! Mi piace creare cose belle e anche se devo faticare un bel po', cerco sempre di realizzare l'idea che mi viene in mente, quindi... rosellina in pasta di mais sia!!

Il vantaggio della pasta di mais rispetto ai materiali già pronti sta nel fatto che si può ottenere sia il colore che si desidera che la dimensione più adatta al proprio lavoro: è bastato, infatti, che aggiungessi i colori ad una pallina di pasta di mais perché ottenessi la tonalità di giallo che meglio si abbinava alle sfumature gialle e bianche del filato.
Infine, petalino dopo petalino, ho creato la minirosa alla quale ho poi unito due foglioline color verde oliva chiaro (la rosellina misura appena 1 cm, con le foglie si arriva ad uno stratosferico 1,5 cm, figuratevi che il cuore del fiore non arriva ai 4,5 mm) e dato che un leggero tocco "sbrilluccicante", per rendere il tutto ancora più luminoso e prezioso, non può mancare, ho applicato dei glitter dorati sul bordo sottilissimo delle foglioline.


Forse, parlando delle misure della rosellina avrete già iniziato a capire il trucco cui accennavo poco fa... bravi!!! Si tratta proprio di una miniatura!!!

Ed ecco, infatti, le misure:

- altezza "cupoletta": 1,5 cm;


- larghezza "cupoletta": 2,5 cm;


- larghezza tesa: 5 cm compresi i pippiolini.


Che ne dite? Non è proprio bellissimo??? A me piace veramente tantoooo!!!!

domenica 14 giugno 2015

Lilla, Violetto eee... Chiacchierino

Caldo-caldo-caldooooo!!!! Si muoreeeee!!!!!!!

Se c'erano queste temperature anche quel giorno, millenni fa, capisco come riuscì Archimede ad abbrustolire le navi dei Romani!!! ahahaha
Anche se mi sa che la domanda più giusta sia: "Come ha fatto Archimede a non finire arrosto sotto un sole di quasi 40 gradi????? ;-P

Va be' tralasciamo i grandi misteri storici ;-) e torniamo al presente con questi orecchini al chiacchierino.


Devo ammettere che sono proprio brava, alla faccia della modestia!!

Sto preparando le bamboline in pasta di mais (una vera impresa con questo caldo!! Come inizio a maneggiare l'impasto, tempo cinque minuti e già inizia ad asciugarsi e devo sbrigarmi se non voglio avere un lavoro piene di crepe, per non parlare poi dei colori o della colla!! Devo essere più veloce di Flash se non voglio trovarmi con il pennello attaccato sulla bambolina... certo sarebbe un bell'esempio di arte astratta, ora che ci penso ahahaha), i bijoux al chiacchierino e relative scatole (altra impresa titanica, visto che quando finisco di stendere la colla sul cartone per attaccare la carta, la prima parte è già asciutta ufff!!!), in più, bene o male, sto anche riuscendo a preparare i post (con foto annesseeee!!!!) per il blog!!! Insomma, direi che me la cavo piuttosto bene in quanto ad efficienza, no?? ;-)

Ok, avete ragione, basta con gli "auto-complimenti" e passiamo agli orecchini.

Eccoli qui, prima ve li ho mostrati "in coppia", ora ve li mostro "single" ;-)



Ho usato lo stesso modello del ciondolo che ho regalato alla mia amica Rossella perché mi piaceva parecchio, solo che stavolta l'ho moltiplicato.

La differenza che salta subito all'occhio è il colore, infatti qui niente azzurro, ho preferito giocare con le sfumature del violetto.

La seconda differenza, che in foto non si nota, sta nelle dimensioni: in questo caso, dato che si tratta di orecchini e non di un ciondolo, ho preferito farli leggermente più piccoli.

Ed ecco qualche dettaglio:

- la parte superiore è un trifoglio realizzato con un filato lilla a tinta unita.


Sui picot ho inserito delle rocailles trasparenti con l' "anima" argentata (lilla, viola ed argento è sempre un bell'abbinamento, tra l'altro delle perline dorate avrebbero creato troppo contrasto con i colori del filo distogliendo l'attenzione dal bijoux), mentre alla base del trifoglio ho sistemato uno strass viola per avere un richiamo al violetto della parte inferiore.

- Parte inferiore: 



E' composta da quattro anelli Ankars, cioè quattro anelli sovrapposti e non uno di fianco all'altro come nel chiacchierino tradizionale.
Ho scambiato il filo lilla con uno sfumato dal bianco puro, al violetto al viola scurissimo.
Su due anelli (il più esterno e il secondo centrale) o eseguito dei picot in modo da posizionare le rocailles argentate direttamente durante la lavorazione e creare dei punti luce, ma senza esagerare.
Una volta inamidati, ho applicato uno strass lilla a forma di fiore alla base degli anellini Ankars per richiamare il trifoglio superiore.


In pratica ho fatto uno scambio: un punto di viola nel lilla e un punto di lilla nel viola, altrimenti sarebbero sembrate due parti separate di due orecchini diversi.

Perché uno strass a forma di fiore? Che domande fate??? Perché mi piaceva, no ;-)

Ed infine, per unire il pendente al chiacchierino alla monachella argentata ho scelto un altro tocco di viola: una bella perlina sferica di un bel viola deciso inserita tra due 
rocailles argentate, le stesse che ho usato per il resto dell'orecchino.


Forse ho trovato anche il nome appropriato: "Sinfonia viola", che ne dite? ;-)
Lo so, lasciamo perdere il nome, va ahahaha

sabato 6 giugno 2015

Chiacchierino... marino!! :D

Ce l'ho fatta!! Ce l'ho fatta!!!! Nonostante le dita appiccicate dalla pasta di mais, sono riuscita a sistemare le foto e a preparare il post!!! :D

La mia amica Rossella, a proposito le lascio un bel saluto: "Ciao Rossyyy!!" :D (mica solo i cosiddetti "famosi" possono salutare gli amici in diretta TV, noooo??? ;-)   ), dicevo, la mia amica Rossella sarà proprio contenta di leggere questo post perché parlerò del ciondolo che le ho regalato per il compleanno (ancora auguri Rossy!! :D   )... eh no ragazzi! la sua età non ve la dico, dovreste saperlo che non si chiede mai l'età ad una signora, no!!!! ;-P


Il ciondolo è, come sempre, al chiacchierino e quando ho iniziato a buttare giù lo schizzo ho pensato che volevo qualcosa di estivo perché ormai la bella stagione iniziava a farsi notare e cosa c'è di più estivo del mare?? Così ho scelto un filato di una bella tonalità di azzurro intenso, ma mi serviva qualcosa che ricordasse ancora di più il mare...

Be' il mare, si sa, è pieno di onde e quindi ho sovrapposto un po' di anelli di grandezze diverse sfruttando la tecnica del chiacchierino Ankars creando così l'effetto "onde" nella parte inferiore del ciondolo, ma non era ancora sufficiente.

In fondo il mare oltre ad essere pieno di onde ha anche varie sfumature di blu ed azzurro fino al bianco della spuma... "E quindi?" chiederete voi.
Quindi, rispondo io, ho unito al filato a tinta unita anche un filo sfumato dal bianco fino all'azzurro scuro ottenendo davvero un bell'effetto "marino" ;-)

Ed ecco qui i dettagli:

- il trifoglio della parte superiore composto solo dal filo sfumato e sottolineato dalla presenza di strass (un tocco "sbrilluccicante" ci sta sempre bene ;-)   ), quello centrale azzurro e quelli esterni color argento (per riprendere i colori del filo);




- la parte inferiore composta da quattro anelli sovrapposti e realizzata usando due fili: quello sfumato (già usato per il trifoglio) e quello a tinta unita (che ho unito al lavoro quando ho iniziato l'archetto che parte dalla base del trifoglio).


Ovviamente non poteva mancare il tocco "prezioso" ottenuto utilizzando delle rocailles dall' "anima" argentata.

Prima di tutto ho sistemato due file di perline tra le onde, dopodiché sono passata a creare il cuore del ciondolo: un cristallo trasparente, sempre azzurro, circondato da un giro di rocailles, applicato (dopo l'inamidatura) alla base degli anellini Ankars.


Che ne dite? Bello, no? A me piace tanto, soprattutto perché sono riuscita ad ottenere proprio l'effetto marino che cercavo, in più è adattissimo alla mia amica Rossella che, tra l'altro, quando ha aperto la scatolina oltre a fare gli occhi a "cuoricini" ahahahah mi ha confessato che stava proprio cercando qualcosa di azzurro già da un bel po' di tempo, ma senza troppo successo... be' meglio di così!! In un colpo solo ho soddisfatto la mia voglia di un bijoux marino e completato la sua ricerca... azzurra!!! :D

Buon fine settimana, ciao ragazzi!! :D

lunedì 1 giugno 2015

Viola e Argento: e treee!!! :-)

E treeee!!! :D

Ebbene si! Dopo gli orecchini ed il bracciale è la volta della collana, il terzo pezzo della collezione "in viola".


Ragazzi vi avviso: in questo periodo sono super-stra-impegnata perché devo fare un bel po' di bamboline in pasta di mais per la mia amica Rossella da portare al mercatino quindi i post saranno più corti del solito... vi ho sentitoooo!!!!
State tutti festeggiando perché non dovrete leggere papiri chilometrici!!! Non ho parole, veramente!! ;-P
Però l'importante è che in qualche modo sia qui con voi, no? :-)

Bene dopo la "comunicazione di servizio" torniamo alla collana che completa la parure al chiacchierino.


Protagonisti del bijoux sono le grandi foglie al chiacchierino e le sfumature viola.


Come potete vedere, infatti, le foglie realizzate con il filo sfumato dal bianco, al lilla, al viola scurissimo, si alternano ai cristalli violetti e alle perline viola legate tra loro da piccole asole in filo argentato.

Le foglie sono quattro (avevo pensato di farne cinque, ma la collana sarebbe venuta un po' troppo lunga), una volta finite di lavorare e prima di passare all'inamidatura ho applicato le rocailles rosa alla base di ogni trifoglio...


... (in realtà, se guardate bene, non sono proprio rosa, più che altro è un rosa tendente leggermente al lilla... lo so, particolare irrilevante che quasi non si nota, ma nelle vita bisogna essere precisi!! ahahaha), ed ecco qui pronte le foglie, però devo sistemare i cristalli...

Ed eccomi di nuovo all'opera, posiziono il cristallo tra due coppette argentate (visto che bei riflessi? :-)   )


E poi, una volta creata l'asola col filo, li aggancio alle foglie.


Collana finita? Assolutamente no! Ora si passa a creare la "catenella" di perline viola, e qui vi risparmio la descrizione della creazione delle singole asole, sappiate solo che si è trattato di un lavoro mooooolto luuuuungo...


Comunque, dopo una serie infinta di asoline e perline, la collana fa bella mostra di sé, ovviamente dopo aver aggiunto una catenella con un altro cristallo come terminale (nelle foto potete vedere i bellissimi riflessi di questi cristalli).



E dato che la realizzazione di questa parure mi ha portato via tutte le coppette argentate punzonate (ebbene si, me ne è rimasta solo una, tanto per non far rimanere completamente vuoto lo scomparto... ), dovrò aspettare di comprarne delle altre prima di cimentarmi in qualche altra collezione, questo non vuol dire, però, che vi lascerò senza post, eh!! Perciò preparatevi e mettetevi comodi per la lettura :D

Intanto vi lascio con una bella foto di gruppo dove, come sempre, le lettere indicano i diversi bijoux:

A) Orecchini;
B) Bracciale;
C) Collana.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...