sabato 19 luglio 2014

"Biscus"

Ciao ragazzi, eccomi qui con un nuovo post :-)

Oggi niente chiacchierino o cucito, ma… acquerello!!

Ho pensato che ormai siamo in estate, anche se non si direbbe visto che continuano i diluvi universali più o meno ovunque, ma il calendario afferma che oggi è il 19 luglio, perciò…siamo in estate eccome!!
E dato che quando fa caldo si inizia a pensare a qualche isola tropicale, acqua cristallina, natura selvaggia ed incontaminata, fiori enormi e coloratissimi…solo per scontrarsi poi con la dura realtà cittadina piena di caos, rumori ed inquinamento, allora perché non portare l’isola da noi?? Magari non tutta, a volte è sufficiente un particolare per farci stare meglio, e così…ecco un bell’ Hibiscus per voi!! :-D



Questo bellissimo fiore, originario dell’Asia e delle isole del Pacifico, fu introdotto in Europa nel 1700 e negli Usa solo nel 1800, per poi conquistare tutto il mondo con denominazioni e significati diversi in base all’area geografica.

Ad esempio, nell’Europa vittoriana era sinonimo di “bellezza delicata” (dovuto al fatto che il fiore sbocciato resiste un solo giorno), in lingua giapponese vuol dire “dolce” ed augura il “benvenuto” amichevole ad ogni visitatore, mentre nella Corea del Sud simboleggia l’immortalità, l’invincibilità militare in guerra e l’amore perpetuo nel matrimonio ed ancora, in Polinesia viene intrecciato per creare delle ghirlande in segno di benvenuto ospitale e, come sanno tutti, viene indossato dalle donne tra i capelli per indicare se sono ancora libere o impegnate.
Insomma, tanti Paesi, tanti significati, ma uno è identico per tutti: “bella estate”, perché senza il caldo e l’estate la pianta non fiorirebbe.

Il biscus ha grandi petali ondulati, colori vivaci e foglie piuttosto grandi di un bel verde intenso. Ne esistono tantissime varietà, sia a fiore singolo (5 petali) che doppio (10 petali) con il caratteristico canale dello stame al centro del fiore con una ramificazione degli stili sulla parte superiore.

Quello ritratto nell’acquerello sopra (40 x 30 cm circa) ha un fiore a forma di coppa con 5 petali color blu-violetto e la parte centrale porpora, da cui esce un ammasso di stami giallo oro.
Per lavorare più liberamente ho usato il lattice per mascherature sugli stami che poi ovviamente ho tolto una volta terminati i petali.
Una volta finito l’acquerello ho scurito le ombre in alcuni punti in modo da far risaltare le zone più chiare illuminate come i petali del fiore centrale.

Un’ultima chicca: sapevate che con il biscus si prepara il karkadè? Una bevanda dai riflessi rosso rubino, dal sapore di frutti di bosco e limone, ottima sia calda che fredda e ritenuta addirittura afrodisiaca dagli antichi faraoni egizi…be’ provare non costa nulla, no?? ahahaha

Ciao a tutti e buon fine settimana!! :-)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...